UFO SUL BOSCO DI CELLE LIGURE ?

Posted in ufologia with tags , on 25/03/2017 by Geyar

Il bosco di Celle Ligure potrebbe essere stato visitato dagli alieni

UFO.-G.I.S.U.-ESPLORAZIONE-CON-DRONE-YouTube3 Il G.I.S.U. (gruppo italiano studi ufologici) segue un caso interessante avvenuto in Liguria, precisamente a Celle ligure, il ricercatore e rappresentante del G.I.S.U. ha effettuato assieme al Team alcune ispezioni di verifica della zona, dapprima a piedi percorrendo il punto indicato dai testimoni e dopo con un drone per avere un quadro completo della zona interessata. Cosa è successo nel bosco a Celle ligure? Quattro testimoni una sera mentre uscivano per una pizza  si accorgono della presenza di una fonte luminosa, appena all’interno del bosco di fronte a loro, secondo il loro racconto la luce sembrava fluttuare  e ad un certo punto si è dileguata nella notte. Rimasti sconcertati hanno appunto contattato il G.I.S.U. per capire di cosa si trattasse. Maggioni Angelo dunque assieme al suo Team si è recato sul luogo per capire meglio cosa sia accaduto e per cercare prove lasciate dalla fonte luminosa. Il bosco risulta ” intatto” come se non vi fosse passato nessuno, neanche tracce di animali (impronte), tranne un punto preciso quasi quello stesso indicato dai testimoni, un zona dove la terra sembra essere stata rimossa. Addentrandosi a piedi all’interno del bosco non si sono notate strutture umane ne pali elettrici, cosa poi confermata anche dalla visuale del drone che è stato fatto volare sull’intera zona ad una altezza che variava dagli 80 ai 100 metri di altezza Il caso sembra complesso da definire in quanto a parte il video non si hanno altri riferimenti più precisi , elementi che si spera di trovare con un’ultima esplorazione a piedi dell’intera area. Il G.I.S.U. al momento lascia ogni ipotesi aperta, anche quella di una visita aliena … Link

ALIENI : TRACCE DI INSEDIAMENTI SOTTO I GHIACCI DELL’ANTARTIDE

Posted in ufologia with tags , , on 12/03/2017 by Geyar

tunnelantartide-750x410

Antartide: immagini Nasa rivelano tracce di insediamenti a 2,3 chilometri sotto il ghiaccio

La missione Operation IceBridge della NASA in Antartide ha recentemente rilasciato imamgini del telerilevamento che mostrano quello che alcuni esperti ritengono potrebbe essere la prova dell’esistenza di un possibile insediamento umano conservato sotto un’impressionante coltre di ghiaccio di 2,3 kilometri.Questa interessante scoperta è stata fatta durante i test aerei di prova della tecnologia Advanced Topographic Laser Altimeter System (ATLAS) un sistema della NASA impostato per essere lanciato sul ghiaccio, Cloud e Land Elevation Satellite-2 (ICESat-2) nel 2017, si propone di monitorare i cambiamenti ghiaccio polare.“C’è molto poco margine di errore quando si tratta di singoli fotoni che colpiscono sulle singole fibre ottiche, è per questo che siamo stati così sorpresi quando abbiamo notato queste caratteristiche anomalie restituiteci dalla tencologia ATLAS”, spiega nasa-scientist- Nathan Borrowitz, scienziato del progetto IceBridge e ricercatore del ghiaccio marino con il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.Lo scienziato della NASA Nathan Borowitz“A partire da adesso possiamo solo speculare su ciò che queste immagini siano, ma il lancio di ICESat-2 nel 2017 potrebbe portare ad altre importanti scoperte e una migliore comprensione delle caratteristiche geomorfologiche dell’Antartide”, aggiunge.Un insediamento umano sepolto sotto 2,3 chilometri di ghiaccioIl capo-archeologo, Ashoka Tripathi, del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Calcutta ritiene che le immagini mostrino una chiara evidenza di un antico insediamento umano sotto la spessa coltre di ghiaccio.Lo scienziato indiano Ashoka Tripathi“Questi sono archeo-india chiaramente le caratteristiche di una sorta di opera intelligente simile a una specie di struttura piramidale. I modelli non mostrano chiaramente nulla di esatto e dobbiamo aspettarci formazioni geomorfologiche naturali che si possono osservare in natura. Sembra però che vi sia l’inequivocabile prova di un’ingegneria umana. L’unico problema è che queste fotografie sono state scattate in Antartide ad una profondità di 2 chilometri di ghiaccio. Questa è chiaramente la parte imbarazzante, non abbiamo alcuna spiegazione per questo al momento “, ammette.“Queste immagini riflettono solo una piccola parte della massa totale della terra antartica sepolta dai ghiacci. Potrebbero esserci altri siti come questo, completamente ricoperti dal ghiaccio. Tutto ciò ci mostra come sia facile sottovalutare sia la dimensione che la portata degli insediamenti umani del passato”, spiega il dott Tripathi. Resti di una civiltà perduta lo storico e cartografo, presso l’Università di Cambridge, Christopher Adam, ritiene ci potrebbe essere una spiegazione razionale.La mappa di Piri Reis del 1513“Una delle mappe storiche più sconcertanti è dell’ammiraglio turco Piri Reis del 1513 dC, che mappò con successo la costa dell’Antartide più di 500 anni or sono. La cosa più affascinante di questa mappa è che mostra la costadell’Antartide senza ghiaccio. Come è possibile, dato che le immagini della costa subglaciale antartica sono state viste solo per la prima volta dopo lo sviluppo del radar in grado di penetrare il suolo nel 1958? E ‘possibile che l’Antartide non sia sempre stato ricoperto sotto un tale strato di ghiaccio? Questa potrebbe essere la prova di una possibilità effettiva”, riconosce.«Un leggero spostamento dei poli o lo spostamento dell’asse di rotazione della Terra in tempi storici è forse l’unica spiegazione razionale che viene in mente, ma abbiamo sicuramente bisogno di più ricerca però, prima di saltare ad una conclusione”.ICESat-2 (Ice, Cloud e Land Elevation Satellite 2), parte di Observing System Terra della NASA, è una missione satellitare progettata per misurare l’elevazione della massa dello strato di ghiaccio, il mare libero del ghiaccio, così come le caratteristiche topografiche del territorio e la vegetazione, ed è il suo lancio è programmato nel maggio 2017. Link

ANTARTIDE : LA RUSSIA SVELA LA SCOPERTA DELL’ORGANISMO 46B

Posted in ufologia with tags , , on 11/03/2017 by Geyar

La Russia vuota il sacco : Antartide, non è quello che ci viene detto!

polpo-gigante-putin LA SCOPERTA DELL’ORGANISMO 46B : Georadar hanno scoperto un altro continuente sotto il ghiaccio antartico. E ‘questa la civiltà angelica caduta che ha catturato l’interesse dei leader mondiali, e in particolare del Vaticano? Ora c’è un divieto assoluto di andare Antartide, capire il perché. Inoltre il Venomous 14-Arm Octopus!Unitevi a me con le facinations dell’Antartide. Incredibile, anche gli sviluppi spaventosi e le scoperte continuano …Da Night TerrorsGli scienziati russi in Antartide battagliano sull’ Organismo 46b, una creatura antartica, e precisamente del lago Vostok OctopusL’Organismo 46b caccia la sua preda paralizzandola con il veleno. La strana creatura afferra e smembra la preda utilizzando un potente becco, rompendo la fonte del cibo in pezzi.Gli antichi credevano nei mostri degli abissi, serpenti che si nascondevano sotto le onde, rischiando di capovolgere le pesante navi di uomini. Oggi non c’è mare o lago che non è stato sondato scoprendo sempre nuovi mostri marini. Fatta eccezione per i laghi d’acqua dolce sepolti sotto i ghiacci dell’Antartide.Vi è un continente nascosto sotto la calotta di ghiaccio dell’Antartide. Georadar ha stabilito l’esistenza di centinaia di laghi in questo continente. A causa della pressione esercitata dal ghiaccio, questi laghi non sono congelati. Essi sono liquidi, contenente acqua fresca che è stata isolata per almeno 15 milioni di anni.Il più grande di questi è il lago Vostok, coperto da un ghiacciaio di due miglia di spessore. In cima al ghiaccio si trova la stazione di ricerca russa di Vostok. Ci sono voluti dieci anni per i sovietici per praticare un tunnel verticale nel ghiaccio in cui è stato costruito un ascensore speciale, progettato per contenere un solo uomo. Nel 2012 la punta ellittica finalmente raggiunta, lungo la sponda orientale del lago. Un gruppo di otto uomini è stato calato dalla superficie originale del continente, un uomo alla volta. Ciò che seguì fu un segreto di stato gelosamente custodito, fino a quando uno scienziato russo disertò per l’Occidente……

Continua a leggere

PERU’: UFO BLOCCANO VOLI DEL GEORGE CHAVEZ AIRPORT

Posted in ufologia with tags , on 09/03/2017 by Geyar

Perù: 12 UFO fanno Sospendere i Voli del Jorge Chàvez Airport

17098103_1355667327839285_5436136849775457482_o Una formazione di UFO (Unidentified Flying Object) avrebbe causato la sospensione delle operazioni di volo presso il ‘Jorge Chávez Airport‘ a El Callao (Perù). L’avvistamento è avvenuto durante il mese di febbraio 2017, e quello che ha sorpreso gli ufologi peruviani è che la CORPAC (Corporación Peruana de Aeropuertos y Aviacion Comercial) ha registrato l’accaduto in un documento ufficiale.Secondo questi documenti, divulgati in Perù, dagli ufologi indipendenti Joshue Cornejo e Mario Zegarra, gli avvenimenti si sono verificati in due giorni diversi. 16807662_10154324036107060_7305983352422205452_n Il primo documento illustra la rilevazione di una formazione di 12 UFO, avvenuta il giorno 12 febbraio 2017. Secondo l’ufologo Zegarra, che insieme ad altri ufologi peruviani, ha ascoltato le registrazioni delle conversazioni tra la torre di controllo e i piloti, “gli aerei furono impossibilitati di decollare e atterrare per almeno 3 ore“. Inoltre, sempre secondo Zegarra, “il radar del Jorge Chavez catturò 12 contatti non identificati sullo schermo, ciascuno identificato con il codice 0000 per indicare gli UFO“. Joshue Cornejo, altro ufologo peruviano, ha affermato che la sera di quel giorno, alle ore 19:38 ora locale, fu filmato il passaggio degli UFO, utilizzando un equipaggiamento per la visione notturna, un binocolo “Yukon Ranger 5×42“. Gli UFO non erano visibili ad occhio nudo, ma all’infrarosso, e rilevati dai radar.Un’altro documento, invece, illustra un’altro avvistamento UFO, rilevato anch’esso dai radar dell’aeroporto, a partire dalle ore 21:40 (ora locale) del 7 febbraio 2017.Gli ufologi peruviani, per illustrare meglio questo, apparentemente, interessante avvistamento, hanno indetto una conferenza stampa per il giorno 11 marzo 2017 a Miraflores. Link

UFO AVVISTATO IN MOLTE CITTA’ AMERICANE

Posted in Alieni, ufo, ufologia on 08/03/2017 by Geyar

Tr3-B

Un gigantesco UFO è stato avvistato in molte città americane, i testimoni oculari hanno perso la memoria.

black-miles-long-triangle-ufo-detected-moving-across-the-moon-inquisitr-com_1190057 Fletcher Gray, direttore del dipartimento di Houston del MUFON (Mutual UFO Network), ha dato una risposta al fenomeno dei numerosi avvistamenti dell’enorme UFO triangolare, che ha goduto di una certa risonanza durante i mesi passati. Infatti, la testata giornalistica The Express, ha rilasciato in dicembre un cospicuo numero di articoli riguardo questo fenomeno così particolare e che ad oggi non gode ancora di una spiegazione chiara e precisa. Il MUFON riceve circa 80 segnalazioni l’anno ma, di queste, molte possono essere spiegate senza prendere in considerazione gli alieni. Anche con il caso dell’UFO triangolare sarà così?

I testimoni che perdono la memoria

Il caso dell’ enorme UFO triangolare, avvistato a Dayton Hill, finora non ha trovato ancora una spiegazione certa, poiché non si tratta solo di un avvistamento, ma di un vero e proprio mistero; i testimoni una volta avvistato l’UFO, perdono istantaneamente la memoria per alcune ore. La spiegazione che fornisce Fletcher Gray è che l’avvistamento abbia origine aliena, poiché contemplare ipotesi di origine umana sarebbe troppo machiavellico. Il primo UFO di forma triangolare fu avvistato nel 1960 a Higway, da allora sono stati numerosi e continuativi gli avvistamenti dell’UFO triangolare. Sono in molti quelli che credono, che questi avvistamenti costringeranno le superpotenze a dirci la verità sugli alieni. 

Luoghi di avvistamento UFO

Questo enorme UFO triangolare è stato avvistato in varie parti dell’America e tanti sono i testimoni che confermano l’accaduto con versioni simili nella descrizione dell’oggetto non identificato. Infatti i testimoni oculari ci parlano di un’astronave enorme, grande quanto un campo di calcio, che si muove silenziosamente nei cieli americani. Il più importante avvistamento di questo tipo avvenne nel 1997, quando moltissime persone raccontarono di aver visto un UFO enorme volteggiare nei cieli di Phoenix in Arizona e delle città attigue. Ma questo non è l’unico avvistamento dove entra in gioco il cervello umano, poiché un team di neuroscienziati è all’opera su un gruppo di persone che sostengono di essere state rapite dagli alieni. Link

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: