Archivio per Sole

UFO : ENORME ASTRONAVE VICINO AL SOLE

Posted in ufologia with tags , , , on 27/07/2015 by Geyar

UFO Alieni vicino al Sole. Sembra la nave stellare Enterprise di Star Trek

CKiQ-njWEAATE6P Ingrandendo la fotografia scattata dalla NASA attraverso il telescopio spaziale SOHO la scorsa settimana, si vede un oggetto enorme che assomiglia tantissimo all’astronave USS Enterprise delle prime tre serie di Star Trek. Secondo gli ufologi si tratta di un UFO di alieni, una grande nave spaziale, probabilmente il piu’ grande Ovni mai documentato in una immagine della NASA. Per la redazione di “UFO Sightings Daily”, poi, non vi e’ alcuna ombra di dubbio in quanto nell’immagine si vede chiaramente una nave spaziale extraterrestre.Foto immagini video dell’UFO arrivano dalla NASAIl telescopio spaziale Solar and Heliospheric Observatory (SOHO) ha 20 anni ed e’ un progetto congiunto dell’Agenzia Spaziale Europea e della NASA. E’ stato lanciato in orbita alla fine del secolo scorso, nel 1995. Il suo fine ultimo e’ quello di studiare il comportamento della nostra stella, il Sole. In una delle tantissime immagini catturate dal SOHO, si vede un’oggetto non identificato, che secondo i “cacciatori di UFO” non puo’ essere confuso con un meteorite o altro che non sia una astronave extraterrestre.

Per la NASA e’ un categorico “no comment”

Gli studiosi di avvistamenti UFO accusano direttamente la NASA di non ammettere l’evidenza: “la Nasa offendera’ l’intelligenza di qualunche persona se non ammettera’ che nelle sue fotografie appare una astronave extraterrestre di 216 mila Km quadrati circa, dimensioni equivalenti allo stato americano dell’Idaho“. Per la NASA e’ un categorico “no comment“, ma da UFO Sightings fanno sapere che “se la Nasa pubblica dati, deve capire che i cacciatori di UFO possono incontrare prove di anomalie e condividerle in rete con il mondo“. C’e’ da dire che l’agenzia spaziale americana, comunque, aveva affermato che entro 20 anni incontrera’ vita extraterrestre nello spazio. Infatti grazie al lancio programmato nel 2017 del telescopio Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) (assieme a quello programmato nel 2018 del telescopio spaziale James Webb), si cerchera’ nello spazio tracce chimiche che possano suggerire la presenza di vita aliena. Link

UFO FOTOGRAFATO DURANTE L’ECLISSI DI SOLE DEL 20/3/2015

Posted in ufologia with tags , , , on 21/03/2015 by Geyar

eclissi-parziale-di-sole 

Fotografato un ufo durante l’eclissi di sole di ieri 20/3/2015

10 Ci arriva in redazione delle spettacolari foto di un ufo ripreso durante l’eclissi di sole parziale da Capistrello (Aquila) fatte da Samuel Tommaso usando il cellulare con opzione in negativo in un primo tempo sembrava tutto normale ma poi si accorge di qualcosa di strano ingrandendo le foto nota subito un oggetto simile a un ufo nelle prime foto sembra un normale riflesso colorato ma a sequenza una di essa mostra chiaramente l’oggetto dalla forma discoidale classica di un ufo in effetti passandolo ai filtri questo pare essere  la copia identica di un ufo dunque gli ufo seguono le eclissi? un altro strano avvistamento e stato filmato durante l’eclissi appare un oggetto sigariforme che in rapido movimento fuoriesce dalla corona solare forse un espulsione di massa (CME) o di una anello coronale? potete leggere l’articolo con video cliccando su segnidalcielo.it  Sotto altre due foto sempre durante l’clisse di Samuel che mostra un qualcosa di sigariforme forse un riflesso? Ma vediamo le foto di Samuel Tommaso sotto e giudicate voi. By Gy

6 5

ECLISSI SOLARE IL 20 MARZO

Posted in ufologia with tags , , on 12/03/2015 by Geyar

eclissiparziale

Eclissi di Sole del 20 marzo: sarà un evento da non perdere anche in Italia

310x0_1425038223673_eclissi Mancano pochi giorni all’evento astronomico dell’anno. Il 20 marzo 2015 sarà il giorno dell’eclissi di Sole: sarà totale solo alle isole Svalbard e Far Oer, nel Grande Nord, ma lo spettacolo sarà visibile chiaramente anche dall’Italia. Una giornata da segnare con la matita rossa sul calendario, perché prima di viverne un’altra simile bisognerà attendere diversi anni. L’eclissi in Italia In Italia si assisterà a un’eclissi parziale. Non accade dal 3 novembre 2013, quando la Luna oscurò in parte il disco solare al Sud. Il fenomeno sarà però molto più evidente di allora. Inizierà prima in Sardegna (alle 9.16 a Cagliari) e qualche minuto dopo anche nel resto del Paese. A Roma prenderà il via alle 9.23, a Milano alle 9.24, a Napoli alle 9.25, a Lecce e a Trieste alle 9.30. Il culmine, con il massimo dell’oscuramento, arriverà dopo circa un’ora e 8 minuti. La conclusione è prevista tra le 11.32 e le 11.50 a seconda delle zone. Quanto sarà oscurato il Sole Le regioni Nord-occidentali saranno le più fortunate. A Torino sarà coperto il 65,5% del disco solare, ad Aosta il 67,3%. A Milano si arriverà al 64,9%. Scendendo verso Sud invece la percentuale di superficie oscurata sarà minore: il 53,8% Roma, il 49,4% a Napoli, il 39,7% a Siracusa. Osservando l’eclissi dalla nostra penisola, la Luna coprirà la parte superiore della nostra stella. Spettacolo nel Grande Nord L’evento darà il meglio di sé nel Grande Nord. Nella Scozia settentrionale e in Norvegia si sfiorerà la totalità, ma le uniche regioni del pianeta dove la Luna oscurerà completamente il Sole, a parte un largo tratto di Oceano Atlantico, saranno l’arcipelago danese delle Far Oer e le Isole Svalbard, territorio norvegese a centinaia di chilometri a nord di Capo Nord. Per un paio di minuti, lì calerà davvero la notte in pieno giorno. I pochi centri abitati stanno per accogliere un’ondata di turisti senza precedenti: le prime prenotazioni sono arrivate due anni fa e negli alberghi ormai c’è il tutto esaurito. Evento da non perdere La prossima eclissi solare visibile dall’Italia, ma solo nelle estreme regioni meridionali e con copertura quasi irrilevante, sarà il 21 giugno 2020. Andrà un po’ meglio il 25 ottobre 2022, ma anche in quel caso l’oscuramento non raggiungerà i livelli del prossimo 20 marzo. Insomma: quello a cui potremo assistere tra pochi giorni sarà uno spettacolo da non perdere, a meno di essere disposti a fare lunghi viaggi. La prossima eclissi totale, ad esempio, sarà l’8 marzo 2016 a Sumatra e nel Borneo, cioè non proprio dietro l’angolo. Attenzione agli occhi Per godersi a pieno un’eclissi è importante prendere alcune precauzioni. “Un’eclissi del genere non può essere osservata a occhio nudo o con dei normali occhiali da sole – avverte il coordinatore scientifico del Planetario di Roma, Gianluca Masi – Bisogna dotarsi o di occhialini specifici, acquistabili a poco prezzo nei negozi di materiale astronomico, o guardarla attraverso la proiezione indiretta di un telescopio, dotato di appositi filtri. Diversamente si rischiano seri danni alla retina”. Link

FLARE SOLARE SCATENA BLACKOUT RADIO SULLA TERRA

Posted in ufologia with tags , , , , on 26/04/2014 by Geyar

0123-solar-storm.jpg_full_380

Potente Flare Solare scatena un blackout radio sulla Terra

La complessa conformazione di macchie solari denominate AR2035-AR2046,localizzate sul versante occidentale del Sole, ha prodotto questa notte un flare solare di classe X 1.3. L’evento ha scatenato un blackout radio alle comunicazioni in HF sul versante illuminato dalla Terra.

Il Solar Dynamics Observatory della Nasa ha osservato il brillamento registrando un intensa radiazione ultravioletta nel luogo dell’esplosione.La CME originata non dovrebbe avere’ interazioni con il campo magnetico terrestre.La possibilita che possa innescarsi una tempesta geomagnetica nelle prossime ore rimane estremamente remota. Link

LA NASA RICEVETTE UN SOS DA UN’ALTRA GALASSIA ?

Posted in ufologia with tags , , , , , , , , , on 10/12/2013 by Geyar

LA NASA RICEVETTE  UN SOS  DA UN’ALTRA GALASSIA ?

NASA ha rilevato  intercettato e decodificato un segnale di soccorso matematicamente basato da un planetoide presumibilmente destinata al di fuori della nostra galassia.Il segnale è stato rilevato nel gennaio 1998,  tuttavia, e come ci si potrebbe aspettare, ci sono voluti molti mesi per decodificare correttamente il messaggio.Esperti della NASA affermano di aver intercettato una chiamata di salvataggio intergalattico di una civiltà aliena che aveva già raggiunto il picco di evoluzione gia da quando le tigri dai denti a sciabola popolavano la terra.Ma solo nelle ultime settimane i radio astronomi ed esperti linguistici hanno trovato la chiave per il linguaggio basato sulla matematica complessa che ha permesso loro di tradurre l’appello disperato. Testo originala a Link

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: