2011 Md L’ASTEROIDE HA SFIORATO LA TERRA

https://i2.wp.com/cdn-a.net1news.org/sites/default/files/imagecache/interna_big/asteroide2.jpg

Un asteroide ha sfiorato la Terra, passaggio da record

Si chiama 2011 MD, l’asteroide che è passato a “soli” 12mila chilometri di distanza dal nostro pianeta. E’ il più grande mai arrivato così vicino.

ROMA – E’ l’asteroide più grande che finora abbia sfiorato la Terra, quello che alle 19,00 di oggi è sfrecciato a 12.000 chilometri dalla superficie del pianeta. Si chiama 2011 MD, ha un diametro compreso fra 8 e 18 metri, e il suo come resterà legato a questo record finche’ i ”cacciatori di asteroidi” non riusciranno a scoprire altri oggetti di dimensioni confrontabili capaci di avvicinarsi tanto alla Terra. IL PIU’ GRANDE MAI ARRIVATO COSI’ VICINO ALLA TERRA. ”Ci sono altri asteroidi che si sono avvicinati alla Terra più di quanto abbia fatto 2011 MD, ma erano decisamente più piccoli”, ha rilevato Andrea Milani, del dipartimento di Matematica dell’ università di Pisa e a capo del gruppo di ricerca specializzato nel calcolare le orbite dei cosiddetti Neo (Near Earth Objects), gli asteroidi la cui orbita potrebbe portarli ad avvicinarsi pericolosamente alla Terra. GLI ALTRI ASTEROIDI. Degli incontri ravvicinati degli ultimi anni, il record va all’asteroide 2008 TC3 dal diametro di 4 metri, il primo osservato in diretta in rotta di collisione con la Terra: nell’ottobre 2008 è andato in mille pezzi e i suoi frammenti sono caduti nel deserto del Sudan… ”Tuttavia – ha aggiunto Milani – anche l’asteroide che oggi ha sfiorato la Terra è pur sempre di dimensioni ridotte. Di anno in anno aumentano le capacità di riuscire a vedere oggetti di questo tipo”. Se un asteroide come 2001 MD dovesse cadere sulla Terra, ”l’effetto – ha spiegato Milani – sarebbe quello di un grosso fuoco d’artificio”. MANTENERE ALTA DELLA SORVEGLIANZA. La sorveglianza però è indispensabile perché le dimensioni non sono l’unico elemento da considerare: altrettanto importante è la composizione degli asteroidi. Per esempio, il grande cratere scoperto recentemente nel Sud dell’Egitto è stato provocato da un meteorite metallico di appena 2 metri di diametro. ”Soltanto il 10% degli asteroidi ha una composizione così dura”, ha rilevato Milani. E’ su questi ultimi che si concentrano i programmi di sorveglianza, come quello che il centro di Pisa conduce in collaborazione con il Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa. LE PROBABILITA’ DI UN AVVICINAMENTO. ”Gli oggetti superiori a un chilometro finora noti sono 841, ma si calcola che restino da scoprire ancora almeno il 20%. Probabilmente li avremo individuati tutti nei prossimi 10 anni”. Le probabilità che un asteroide come 2001 MD si avvicini alla Terra sono piuttosto alte: secondo i calcoli degli esperti può accadere una volta ogni 3 o 5 anni. Che un oggetto simile cada sulla Terra è invece più raro e potrebbe accadere ogni 50 anni. Per oggetti notevolmente più grandi, dal diametro di almeno 50 metri le probabilità scendono ad una ogni 300 anni. Link

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: